allevamenti intensivi

Allevamenti intensivi, Messico: un’indagine di Animal Equality

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), gli allevamenti intensivi sono la causa del 14,5% delle emissioni prodotte dall’essere umano.

L’accumulo di escrementi e urina provenienti dagli allevamenti intensivi promuove la generazione di gas a effetto serra altamente nocivi, causando uno squilibrio ecologico. Non solo: nella maggior parte dei casi, vengono constatate irregolarità nella gestione di rifiuti pericolosi nonché la mancata applicazione delle regolamentazioni ambientali. A tutto questo vanno inoltre aggiunte le terribili condizioni in cui gli animali allevati sono costretti a vivere

Attraverso immagini aeree ottenute tramite droni, Animal Equality– organizzazione internazionale per la protezione degli animali allevati a scopo alimentare – ha condotto un’analisi geografica di due allevamenti intensivi nello stato di Jalisco, in Messico, dove sono confinati più di 89.000 maiali.

L’analisi dei siti e la relativa relazione ambientale hanno permesso di calcolare l’impronta idrica e di carbonio degli allevamenti intensivi interessati dall’indagine: le immagini mostrano scarichi all’aria aperta che favoriscono l’infiltrazione di particelle nel sottosuolo, contaminando le acque sotterranee e i campi circostanti. Inoltre, sono state rilevate alte densità di metano e protossido di azoto (N2O), un gas fino a 300 volte più pericoloso per l’ambiente della CO2.

A seguito dell’indagine e a fronte dei dati ottenuti, Animal Equality ha presentato quattro denunce contro le aziende responsabili dei due allevamenti intensivi per fatti, atti e omissioni che potrebbero produrre squilibri ecologici e danni ambientali, al fine di richiederne la chiusura definitiva, la revoca di permessi, licenze e autorizzazioni di funzionamento, nonché il risarcimento dei danni.

Leggi l’approfondimento su Animal Equality

Leggi anche: “Le aziende di carne, il riciclaggio del bestiame e i massacri in Amazonia

Condividi questo articolo
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *